20 maggio 2017

Le parole che conosco.

Stamani sono andata da mio padre al cimitero:sto sostituendo i vasi di piante sfiorite sulla sua tomba, con altrettanti di piante che non hanno esigenze  idriche impegnative. Io comunque vado  al cimitero almeno due volte alla settimana, che alle volte mi immagino mio padre che mi rimprovera bonariamente se spendo i soldi per un'ennesima pianta, però conoscendolo so già che messagli innanzi lui direbbe "è bella!". Poi mentre sono lì che strappo l'erba, mi direbbe "vai a casa, non stare qui, vai dalla mamma!". E se annaffio le tombe neglette,  dove c'è un vasetto striminzito,  mi direbbe che faccio bene. 

16 maggio 2017

le parole e i fiori di maggio

Li vedo quando passo in auto dal furetto:sono  gruppo isolato, sfuggiti all'assalto del decespugliatore,  sul poggio, nel sole. Sono i papaveri rossi, quelli della guerra di Piero, che e' morto a maggio, ma avrebbe preferito che fosse inverno. 
Alla sera cammino per il mio paesino ritrovato, nella casa dei nonni dove ho fatto ritorno. Passo accanto ai giardini altrui e mi arriva intenso il profumo del pitosporo e poi il profumo delle rose, nel loro mese migliore e altri profumi che non distinguo, ma come evocava Leopardi ricordando Silvia, era il maggio odoroso.

14 maggio 2017

Occhiali rossi


Le lenti a contatto le ho adoperate solo il giorno in cui mi sono sposata e per il resto data la mia frequentazione di ambienti polverosi e terricoli ( ovvero archivio e giardino) non sarebbero il massimo da gestire per me,magari una più attenta ci riesce benissimo.
Le foto me le faccio e me le faccio fare  sempre togliendomi gli occhiali, ma gli ultimi che ho acquistato sono così belli che meritano di essere visti. 

Eurovision

Questi si dondolavano ancora agli alberi come scimmie, quando noi avevamo già il Senato in decadenza.

10 maggio 2017

Coop Liguria e Burkina Faso: mission impossible?

Cara Coop, Coop cara
Per il secondo anno di fila mi trovo a scriverti per segnalarti il mio disagio in merito al tuo progetto sul Burika Faso. 
Quello che mi è successo lo scorso anno, lo leggi QUI. A quella vicenda fece seguito una preziosa telefonata con un tuo  cortese assistente che mi spiegò molte cose.
Quest'anno pero' mi e' andata peggio, perché NON HO POTUTO COMMUTARE I MIEI PUNTI COOP NEL SOSTEGNO AL PROGETTO DEL BURKINA FASO e adesso sono arrabbiata e ferita per la presa in giro che mi e' stata rifilata.
Anzi, no! peggio! al posto dell'adesione a un progetto bello e importante che Coop promuove da tanti anni in uno dei paesi piu'poveri del mondo,  MI SONO STATI RIFILATI TRE BUONI SCONTO MICRAGNOSI DAL VALORE DI 3 EURO CIASCUNO.!

09 maggio 2017

Sic transit gloria mundi

Cioe' Cicciolina condannata per tentata truffa a un'assicurazione, non si puo'leggere!
Curioso poi il falso certificato medico che ha decretato tre mesi di inabilita'al lavoro.

08 maggio 2017

Proteste e corriere

Io trovo alquanto  irrispettoso che all'indomani delle elezioni, ci sia gente che protesta.
Non mi sembra rispettoso della democrazia, che il neoeletto si chiami Trump o Macron.
Più passa il tempo, più mi convinco che chi governa un Paese potrà anche non  essere perfetto per me, me ne farò una ragione, ma corrispondere alla maggior parte del volere dei cittadini, che è sacro.
La democrazia non è una corriera su cui si sale e si scende a seconda di come ci è comodo.